Couponing e gift-vouchers: il segreto sta nel farlo in casa!

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- Buffer 0 0 Flares ×

“Gran parte della crescita che ha fatto registrare l’ecommerce in Italia nel 2011 è da attribuire al fenomeno del couponing.”
“Il mercato del mobile couponing raggiungerà nel 2016 il valore di 43 miliardi di dollari nel mondo. E’ quanto si legge nel nuovo Rapporto di Juniper Research, “Mobile Coupons”, in cui si mostra lo straordinario successo delle applicazioni per smartphone e cellulari avanzati che consentono all’utente di accedere ai vantaggiosi buoni sconto adoperabili ormai per qualsiasi tipo di acquisto.”
“Conto alla rovescia per Groupon, il sito di social shopping al centro di una clamorosa protesta su Facebook organizzata da un gruppo con circa 1.300 iscritti. Merce pagata mai consegnata, rimborsi in ritardo, assistenza clienti praticamente inesistente.”

Quelle riportate sopra sono frasi tratte da altrettanti articoli che mettono in evidenza alcune tendenze importanti:

  1. Il couponing (offrire servizi/prodotti) sotto forma di “buono sconto” è un modo di fare mercato sempre più apprezzato dai clienti.
  2. Il couponing nei prossimi mesi avrà un’ulteriore impulso dal settore del “mobile”.
  3. I grandi player specializzati nel couponing stanno perdendo credibilità.

Le tre affermazioni riportate sopra devono far molto riflettere i proprietari di hotel e ristoranti.

Innanzitutto chiariamo che la differenza tra “coupon” e “gift voucher” è molto sottile.

Il “coupon” è generalmente riservato al cliente finale e lo sconto rappresenta la principale attrattiva, il “gift vaucher” è riservato non al cliente finale ma al “donatore”, cioè alla persona che vuole fare un regalo quindi lo sconto passa in secondo piano.

Queste sono le differenze concettuali ma a livello pratico (intendiamo la gestione operativa), le cose non cambiano.

Vediamo ora come puoi sfruttare queste condizioni a tuo vantaggio.

1) Definire i Coupon ed i Gift Voucher.

Punta sulla poesia e sulle emozioni per i secondi, punta sui vantaggi per i primi. Per i Gift Voucher preferisci i pacchetti già pronti e per i Coupon puoi fare anche qualche offerta a “scalare”.

Non dimenticare di inserire i vincoli di acquisto sia per i Coupon che per i Gift Voucher. Per i Coupon saranno fondamentali per rendere coerente la discriminante prezzo, per i secondi eviterai di saturare, ad esempio, i fine settimana.

2) Scegli lo strumento di vendita.

Una volta che hai definito caratteristiche, elenco servizi, vincoli e nome (fondamentale in tutte le campagne marketing: una cosa è chiamare il tuo gift voucher con “buono regalo 200 euro a scalare” ed una cosa è chiamarlo con “magici momenti di mezza estate”) apri un conto con PayPal. (www.paypal.it)

PayPal è il sistema di pagamento di più semplice utilizzo che tu possa trovare in rete. In una giornata riuscirai a configurare tutti i Coupon/Gift Voucher che hai ideato.

L’inserimento nel tuo sito è altrettanto semplice ed all’altezza di tutti. Se non ti vuoi avventurare rivolgiti alla tua web company (per la cronaca, una decina di prodotti/servizi non necessitano più di una giornata di lavoro per l’inserimento completo all’interno del tuo sito)

3) Vendere!

Inizia la campagna marketing: mailing, calling per le aziende (bella cosa sfruttare i couponing per gli incentive), social media marketing e tutti i tuoi soliti canali.

4) Gestione operativa

Arriviamo alla fase più complicata: la gestione operativa. Ad oggi sono un software gestionale per hotel gestisce il ciclo completo dei Coupon e dei Gift Voucher ed è hottimo.PMS della ZEROUNO Informatica (www.hottimo.com/PMS)

Con l’apposito modulo puoi configurare i coupon/voucher sia a pacchetto sia a scalare, puoi stamparli creando un apposito modello con Word e puoi convertirli in PDF per poterli inviare via mail una volta acquistati.

Quando il cliente arriva in hotel o al ristorante il sistema riconosce il coupon/voucher e scarica il credito (se è a scalare) oppure addebita solo quello che non è compreso (se è a pacchetto).

Senza sistema informatico le cose potrebbero essere complicate, lente e sicuramente a rischio di errore.

Insomma ti ho dato tutti gli strumenti che ti possono aiutare a vendere la tua “smart-box“, il tuo Voucher o il tuo Coupon. Ora tocca a te!!!

Buon lavoro.

Cino Wang Platania

No Comments Yet.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- Buffer 0 0 Flares ×